Quando una scultura in filo di rame partecipa a una “contro esposizione” madrilena.

Piccolo aggiornamento con …  “leggero” ritardo 

Questo accadeva un mese e mezzo fa, ma non ne ho dato notizia perché non mi pareva rilevante. Inoltre mi servivano le foto che lo accompagnavano e che mi servivano per mostrare questo lavoro tanto piccolo quanto complesso che non ha visto impiego di alcun uncino/uncinetto per la sua realizzazione. L’evento cui ho preso parte con il mio progetto “artistico” rientrava nella più ampia manifestazione madrilena MoMad di febbraio di quest’anno.

 

Non ho personalmente preso parte alla manifestazione il cui tema è incentrato su moda, abbigliamento e accessori.

E’ stato su invito della mia amica Celia Balcels che ho partecipato all’ esposizione artistica e “collaterale” all’evento MoMad in sé insieme ad altri 20 artisti e relativi progetti che abbracciassero il tema “Moda” . Il lavoro non è destinato a tornare indietro, ma non me ne rammarico poiché mi piace saperlo, come altri del resto, in giro per l’Europa. 🙂

Ecco le fasi della lavorazione. Per essere lungo solo 40 centimetri posso garantire che mi ha dato, è il caso di dirlo , parecchio filo da torcere!

Un video sul mio canale Youtube riassume in tre minuti questa esperienza che mi ha molto divertita. 

Se siete curiosi non dovete far altro che visionarlo. Lo troverete facilmente.

Per adesso non resta che salutarvi tutti e rimandarvi al prossimo articolo.

Mara