Si, no, si no…

In fatto di bambole e il loro repainting penso sia giusto scusarmi per la mia indecisione.

Eh, si! Credo sia giusto farlo perché troppe volte ho detto “Bello, ma non fa per me!” – “Si, è divertente, ma preferisco dedicarmi ad altro”. Ho acquistato il materiale necessario per fare questo esperimento (leggi articoli precedenti, se vuoi), ho ottenuto qualche risultato soddisfacente, poi ho messo via tutto e il tutto è stato poi tirato fuori nuovamente per rincominciare e cercare di migliorare. Oaak! E’ iniziato tutto con questa parola che ha aperto la finestra su un mondo che non avrei mai pensato finisse con l’appassionarmi.

E così tra tanti tiramolla, dopo Barbie, Winx e altro ancora, ad oggi sto continuando a cancellare volti di Monster High, Ever After High di seconda mano e divertirmi a stravolgere il loro aspetto con matite e colori acrilici. Sembrerebbe che queste “ragazze” siano come ciliege! Una tira l’altra, non so se mi spiego. Come si dice “Ci sono dentro fino al collo e ci sguazzo come un rana felice nel suo splendido laghetto di ninfee”. Le cose stanno così. Tutti coloro che si occupano del rifacimento in toto di una bambola (che diventerà oggetto da collezione) hanno iniziato per caso, per hobby. La cosa non mi stupisce, infatti se ne parlo ancora dopo mesi significa che è successo anche a me. Il fatto di averne vendute due messe su Ebay per curiosità e capire se potevano piacere è stato un “occhiolino” fatale. Non nego di esserne ben felice.

E così vado avanti finché tornerò spero presto a occuparmi del filo metallico e tutte le sue implicazioni/applicazioni. I miei polsi sofferenti per il tanto attorcigliare metallo stanno molto meglio, quindi potrei essere in grado di riprendere anche questa attività.

Avrete forse notato che negli ultimi tempi ho scritto poco sul blog, ma l’argomento sempre quello era. In altre parole mi pareva di rifilare la solita minestra riscaldata, e ancor peggio con il solito tiramolla: “Vado avanti –  No! Mi fermo qui” annesso. Indecisa! Ero davvero indecisa. Ora il mio obiettivo è creare una collezione di dolls ridipinte da me che a me e solo me rimarranno. Nessuna avrà il volto imposto dalla ditta di fabbricazione quindi saranno semplicemente differenti dalle altre.

Al momento sto aspettando l’arrivo di altra vernice sigillante e matite acquarellabili tra le più care, ahimè, in commercio, ma anche le migliori per questo genere di lavori. Questa qui sotto 🙂

 

A proposito dei ultimi face up (rifare la faccia) vi lascio questa foto a sintetizzare, mentre un altra bambola senza volto mi attende sul tavolo da lavoro. Spero vi piacciano, ma so che si può sempre migliorare! 🙂

Vi saluto con simpatia e rimando al prossimo articolo che immagino già parlare ancora una volta di bambole dal volto e corpo rivisti e “corretti” 🙂

Ciao, alla prossima!

Mara