Provare può valerne la pena.

Desidero condividere con te che stai leggendo una buona notizia arrivata da pochi giorni. 

Si, posso dire che è vero! “Tentar non nuoce” specie se il tentativo va segno.

Come sapete amo molte espressioni artistiche e non ho esitato a provarne diverse. Mi piace e diverte anche l’arte digitale in cui mi sono cimentata più volte. A inizio anno ho deciso di partecipare a un concorso indetto da Art Majeur  presentando un mio lavoro di questo tipo. Le lieta novella sta nel fatto che sono stata in seguito selezionata per entrare nel catalogo di vendita on line. Può sembrare banale, ma penso che il mercato dell’Arte sul web stia rapidamente soppiantando il passaggio “artista – curatore – gallerista” che mi stava a cuore. Certe volte tutto ciò mi spaventa e dispiace, ma temo che questo radicale cambiamento legato boom dell’ e-commerce. (Secondo Confcommercio si stima che solo in Italia l’ e – commerce valga 24 miliardi di euro e il numero dei consumatori on line siano in aumento dando in pasto ad una profonda crisi ben 63mila negozi ora chiusi e questo ad aprile 2018) Sembrerebbe altresì che il mondo dell’arte si stia risvegliando da un lungo torpore proprio grazie alle transazioni on line anche se, parere personale, un conto è vedere un opera dal vivo prima di acquistarla, altra cosa è sceglierla sul web per quanto i siti siano tra i più accreditati. Non sarà certo questa mia riflessione a cambiare il corso delle cose, quindi, pur non amando particolarmente il discorso “arte on line”, ho comunque partecipato ad incrementarla. Penso presto un gran numero di artisti in tutti il mondo si muoveranno proprio in internet e non avverrà un’inversione di tendenza.

Tornando alla buona notizia… 

mentre ormai quasi non ci pensavo più, in Francia qualcosa stava accadendo.

Posso garantire che la concorrenza è stata di alto livello quindi ” Chapeaux, colleghi!” ci può stare e una volta ogni tanto un

“Tanto di cappello!” sento di meritarmelo. Se ho peccato di mancanza di umiltà … Beh, oggi poco mi importa. 😉

Se hai letto tutto l’intero articolo, “Chapeaux!” anche a te, caro lettore. 🙂