L’Albero della vita 

Le sue mille più una rappresentazioni tra simbologia e arte.

Il simbolo Albero della vita e la sua popolarità

Vi sarà capitato spesso di imbattervi in questo ormai celeberrimo albero realizzato da molti artisti attraverso tecniche e materiali fra i più disparati per tacer delle misure. Affrescato, dipinto su tela, disegnato, tatuato, forgiato in metallo, o trasformato in ciondolo, bracciale e altro ancora, è il soggetto più amato di tutti i tempi.

E un motivo deve pur esserci…

L’albero della vita è un simbolo conosciuto in molte culture e ciascuna di esse lo chiama con nomi diversi attribuendogli vari significati. Si tratta di un simbolo antico quanto l’uomo, presente in tutte le civiltà con significati legati alla nascita, alla rigenerazione e  all’energia vitale.

Nel tempo è divenuto un portafortuna quindi simbolo di buon augurio e questo spiegherebbe il motivo per cui è tanto diffuso. La sua stessa costituzione (radici, tronco, fronde) lo metto in stretta correlazione con gli elementi della Terra e della natura.

L’albero della vita è presente in molte pagine della storia dell’arte dove innumerevoli sono le sue trasposizioni. Come dicevo esistono migliaia di opere che lo rappresentano.

Ho fatto una ricerca e le immagini trovate su questo tema sono innumerevoli. Ecco una rapida rassegna che parte dai bassorilievi rinvenuti in Mesopotamia risalenti al IX a.c. , per poi passare all’Egitto e Grecia, al basso Medioevo, all’avvento del Cristianità, agli alberi della vita del 1300. Tocchiamo l’arte islamica dove l’albero della vita anche qui è presente, fino all’epoca barocca, per poi arrivare al più bel albero della vita mai realizzato ovvero quello di Klimt a Bruxelles (1905 – 1909), alle vetrate di Matisse e Chagall del 1970 in Francia, e infine al gioioso albero della vita di Keith Haring del 1984 con, a chiusura, il gigantesco albero della vita realizzato per l’Expo Milano 2015 

Fonte: sito ufficiale Expo Milano 2015

Ora però torniamo indietro nel tempo e vediamo qualche immagine insieme…

Dalla Mesopotamia ai mosaici pugliesi e siciliani

Albero della vita nel Cristianesimo dal basso Medioevo al 1300 circa

… nella pittura vascolare greca, vetrate e arte islamica

Ora sapete il motivo per cui mi sono soffermata su questo tema a me caro e spero vi sia piaciuto.
Se la risposta è sì, ricordate che la condivisione è importante.
Mara