Vivendo l’inverno, progettando primavera

Ciao a tutti e bentrovati con questo primo articolo 2019!

Iniziamo con un progetto semplice e d’effetto che ho basato sull’idea di “Albero della vita”/Bonsai tree in filo di rame e pietre dure

Sarò strana, sarò “particolare”, ma resta il fatto che pur godendomi la stagione invernale (anche perché in Liguria abbiamo avuto un inizio d’anno quasi primaverile con punte intorno ai 17/20 gradi con cieli azzurri  e tramonti incantevoli) il seme della primavera lo sento comunque nell’aria. 

Il clima ha tratto in inganno le piante che io adoro in senso lato. Prime timide fioriture in città, lungo le strade più assolate,   i miei stessi vasi sul balcone e le mie orchidee in casa, insomma tutto mi pare abbia fretta di svegliarsi da letargiche giornate grigie e povere di luce, di sole. Oddio, parlo del clima come gli inglesi… O.O

Come dicevo e ben si intuisce la voglia di colore continua a dominare la mia quotidianità e fantasia. Ho bisogno di colore, di natura e fiori a profusione. E se domani nevicherà come dicono, vorrà dire che mi abbandonerò pacifica al freddo e i cristalli di ghiaccio che sarebbe anche giusto vedere, no? Con le tempistiche a gennaio direi che ci siamo, giusto? Io penso di sì 🙂

Ecco un lavoretto di cui a dire il vero stavo per mettere da parte, ma avendolo già pubblicato su Youtube perché non proporlo e aprire in bellezza questo 2019? Filo di rame, qualche chips (Pezzetti di pietre dure con foro) di pietre dure fra quelle che più amate . Ametista, Occhio di tigre, Diaspro, Lapislazzulo, ma anche corallo o madre perla etc. …

C’è solo l’imbarazzo della scelta e una bella pietra da avvolgere per creare radici e fusto principale è tutto ciò che vi occorrerà per realizzare un classico dei classici:  il bonsai/ alberello con radici, tronco e una bella fronda fiorita. Che ne pensate?

Delizioso e piccolino ecco il mio, semplice semplice e veloce da realizzare! Il sasso ovviamente fa da base. A voi sceglierlo come più vi piace. Questo è una pietra levigata per acquari, ma anche una pietra di mare andrà benissimo. Belli i bonsai “cresciuti” su  pezzi di minerale come il cristallo di rocca. Forse un giorno ne farò uno anche io… Vedremo! Per adesso questa è la mia proposta per un progetto che ripeto essere un grande classico, ma che per quanto mi riguarda alla fine non stanca mai anche perché la forma dell’alberello sarà esattamente come la vorrete voi per dimensione, forma e colori. Qui ho usato madreperla, agata e turchese verde, corallo e come si può vedere due fili di rame da 1 mm. e da 0,5 m

 

Piccola nota finale.

Come ormai sapete il rame puro ossida rapidamente quindi se non volete lucidarlo con un qualsiasi prodotto per la pulizia dei metalli, potete proteggere i componenti in pietra dura, o se vorrete perle di vetro, usando dello scotch di carta che poi rimuoverete, e passare uno strato o due di spray protettivo anti ossidazione. Il vostro lavoro asciugherà rapidamente. L’odore dello spray potrebbe persistere per uno o due giorni quindi consiglio di lasciarlo fuori al riparo dal sole magari con un sacchetto messo a cappuccio per coprilo lasciando circolare aria. Fatto ciò potrete metterlo in casa dove vorrete.

Se siete d’accordo non resta che vedere il “come si fa”. Vi lascio all’anteprima video che in verità avevo già pubblicato su Youtube a ottobre dello scorso anno, ma che pensavo di non utilizzare per il blog. Bé, ho cambiato idea per il semplice fatto che ne farò altri … e tutti diversi.

 

 

Buon lavoro, buon divertimento e soprattutto Buon 2019. 

A febbraio sarò qui puntuale come sempre!

Mara