Ecco alcune straordinarie curiosità su queste vere minuscole opere d’arte.

Tutto quello che la natura ci regala, ma che spesso ci sfugge.

Stamattina ho cercato delle immagini per disegnare a mia volta e con la maggior fedeltà  dei “fiocchi di neve”. Durante la mia ricerca, che avrebbe dovuto essere brevissima, mi sono invece messa a leggere cosa realmente sono e come si formano e a cercarne altre. E’ così che sono finita su Flickr e lì ho visto fotografie macro eccezionali scattate da Alexey Kliatov che ha immortalato cristalli di ghiaccio con una precisione e di una bellezza da togliere il fiato.

Se guardati da molto vicino con un obiettivo fotografico specifico, luci perfette e altri parametri da mago della fotografia, si tratta di vere opere. Tutti quei cristallini che si posano sui nostri indumenti quando nevica, se visti molto ingranditi, appaiono ai nostri occhi come veri gioielli da cui è difficile distogliere lo sguardo.

Purtroppo la loro visione è fugace come quella degli arcobaleni dopo il temporale, tuttavia in molti, inclusa la scienza si occupati di questi miracoli in miniatura. Ne hanno seguito loro formazione e osservati al microscopio regalandoci, insieme a qualche geniale videomaker che ne ha catturato la genesi in natura, immagini sorprendenti.

Non ne sapevo molto, a dire il vero e quanto riporto in questo articolo è frutto della mia solita curiosità e voglia di condividere un qualcosa che mi ha folgorata per bellezza e unicità.

E’ sciocco domandarsi il motivo per cui i cristalli di ghiaccio, più conosciuti come fiocchi di neve, siano diventati uno degli emblemi più amati in tema di decori e rappresentazioni natalizie, o comunque di un qualcosa di magico che riporta al freddo della stagione invernale (e inevitabilmente al Natale).

Lasciatevi incantare da queste animazioni e ditemi voi se non sono a dir poco fiabeschi.

 

  Non sono meravigliosi?

Ho trovato anche dei trovato anche dei time lapse sulla loro formazione.

 

 

Un vero spettacolo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

… e la breve durata di una di queste meraviglie anch’essa magica, a ben pensarci…

 

Di fronte a tutto questo sento il dovere di schierarmi ancora una volta dalla parte della salvaguardia del pianeta che ci ospita.

Volevo solo disegnare un “fiocco di neve”, ma sono finita altrove…

… qui dove resterò ancora un po’.

Credimi se ti dico che vale la pena saperne qualcosa di più. 🙂

Mara